Blog Regular

NEWS

Ci siamo! Eccoci pronti alle nuove regole.

Ristoratori, avete rotto le palle con i vostri locali. Vendetevi alle grandi multinazionali del delivery e smettete di rompere le scatole con la socialità, i tavoli attorno ai quali si ride, ci si solleva dopo una giornata storta, si fa economia di territorio.

Bla Bla Bla, bli blu bla, trallallero trallallà.

Dal 6 agosto se volete andare a visitare gli appartenenti alla categoria degli sfigati, i ristoratori, gestori di locali, cinema e simili, avrete nuove restrizioni.
Un peso, due misure. Pandemia mondiale e regole diverse per categoria.

In zona bianca si dovrà presentare il green pass se si vuole andare al ristorante al chiuso e negli altri locali come bar, pub, pasticcerie e gelaterie al chiuso e sedersi al tavolo. Non sarà necessario il green pass per chi sta all’aperto. Non sarà necessario il green pass per le consumazioni al bancone. I dipendenti dei luoghi di ristorazione dovranno avere il green pass e indossare la mascherina.

Caffè al bancone, pizza in piedi, panino al volo in autogrill sono consentiti con mascherina sotto il mento; sedersi al tavolo sarà privilegio solo di coloro che hanno uno smartphone dal quale possono esibire il qr code con il green pass, autodichiarando la propria convivenza o meno con i commensali, che non fa poi tanta differenza, perché poi si può dichiarare ciò che si preferisce.

Bene bene, non abbiamo fatto nemmeno in tempo a pagare le perdite economiche del 2020, che pare tutto a posto, e adesso si ricomincia. C’è anche da dire che questa stagione non va nemmeno lontanamente come quella passata. Sappiate, per chi non è del settore, che non abbiamo avuto agevolazioni, sgravi fiscali importanti, aiuti consistenti, ma siamo sempre stati quello che siamo.

Un sentito grazie per avere creato ulteriori divisioni, per avere coniato termini quali vax e no vax, per avere rimarcato le differenze sociali, per aver creato un sistema economico simile a quello del villaggio dei puffi.LA VECCHIA SCUOLA FACEBOOK

NEWS

Buona domenica!

Se le pianificazioni delle gite domenicali vi portano qui nelle nostre valli, sappiate che l’orto ci sta regalando enormi soddisfazioni, e così abbiamo anche qualche melanzana ripiena, che verrà servita su una base di pomodoro San Marzano.

Ultimi posti disponibili in giardino!!LA VECCHIA SCUOLA FACEBOOK

NEWS

Sotto un cielo plumbeo, in ritardo rispetto alla pianura, i campi di frumento e farro sono stati trebbiati. E’ arrivato anche per noi il primo raccolto. La famiglia Preci di Villa d’Aiano, con la quale collaboriamo, è una forza della natura… Portare la mietitrebbia in pendenze del genere, con strade strette, è una impresa.

Dopo tutti questi anni passati spalla a spalla con il nostro forno, ora siamo tornati alla terra. La sensazione di soddisfazione e timore non è descrivibile.. ad ogni curva della trebbiatrice, tutti a raccogliere le spighe che restavano fuori.. ogni chicco è importante, ogni spiga è da onorare. Sarebbe bello potervi trasmettere il profumo delle spighe appena tagliate, e vedere la concentrazione con la quale ogni mossa nel campo è stata valutata. Lavorare la terra è come nascere nuovamente, ogni stagione.

Grazie famiglia Preci, grazie Mattia e Manuel. I sogni si avverano, e presto avremo la farina di ‘popolazione bioadapt’ e farro monococco, tutto a regime biodinamico. Voi siete il futuro della valle, noi siamo con voi.

Brodo di giuggiole a parte!LA VECCHIA SCUOLA FACEBOOK

NEWS

Breaking news! 😍

Per tutto il periodo estivo restringeremo la gamma dei nostri prodotti da forno. Ci concentreremo su produzioni mirate a far contento il vostro palato, le vostre tavole e le colazioni o gli spuntini di mezzanotte.

3 tipologie di pane al forno a legna: grani antichi, farro biologico e grano duro; crescentine montanare, tigelle o come preferite chiamarle, panini da hamburger e biscotti.

A breve aggiorneremo la pagina online per gli ordini tramite il nostro sito!

E ci stiamo preparando anche per la vendita delle farine, vista la grande richiesta! 😍LA VECCHIA SCUOLA FACEBOOK

NEWS

Stiamo per entrare nel periodo caldo, quello dove il nostro forno a legna ci dà come un pazzo (come se negli altri periodi dormisse..!!), e ci stiamo preparando ad accogliervi in un giardino rinnovato, accogliente e speciale.

Abbiamo formato una squadra entusiasta, che ha fame di conoscenza, territorio e di concentrazione. La nostra Gaia, ormai con noi da anni, va a laurearsi, e siamo ultra orgogliosi di lei.
Tra l’altro sta lavorando ad una bellissima sorpresa, ma ne parleremo più avanti…

Settimana prossima avremo due aperture straordinarie: la sera di martedì 1 giugno, e pranzo e cena mercoledì 2.

Venite a vedere come siamo diventati belli!! 😍LA VECCHIA SCUOLA FACEBOOK

NEWS

Nota bene amici!

La settimana prossima non consegneremo il pane, visto che il locale sarà aperto anche durante i nostri giorni di produzione.

Saremo straordinariamente aperti, vista la festività del 2 giugno. Questa settimana consegnamo gli ordini che riceviamo entro oggi, oltre ad avere la possibilità di ritirare qualche pagnotta extra visto che venerdì pomeriggio produrremo qualcosa in più.

PS – nella foto, un raro esemplare di farro monococco spiralis, avvistato la settimana scorsa!LA VECCHIA SCUOLA FACEBOOK

NEWS

Ormai ci siamo trasformati in un centro previsioni meteo, ed abbiamo almeno 4 o 5 applicazioni a testa, per cercare di prevedere la pioggia e correre ai ripari.

Nulla da dire, abbiamo infilato i weekend con il meteo peggiore che maggio ricordi, e ci sentiamo un po’ come Fantozzi.

Ad ogni modo, venerdì sera aperti, sabato e domenica pranzo e cena. Delivery? Ci proviamo.

Sono arrivate una marea di bomba-birrette che non so se ci stanno tutte in fresco, e la carta vini gode di svariati alfieri pronti a diventare protagonisti.
Manco a dirlo.LA VECCHIA SCUOLA FACEBOOK

NEWS

Ogni volta che finiamo in giro per cantine, veniamo a contatto con storie di territorio e di famiglie che guardano al futuro.

In questo caso, complice il meraviglioso terreno gessoso tra i calanchi di Serramazzoni, abbiamo imparato che le bollicine tanto decantate nel modenese, sono così trasversali da poter vestire sia un elegante abito da sera, che gli stivali e la tuta da trattorista!

Beh, avere una espressione di territorio così tecnica, è un onore. L’ Appennino è una miniera d’oro. Punto

Grazie, Cantina della Volta!LA VECCHIA SCUOLA FACEBOOK

NEWS

E dopo tutto questo trambusto mediatico, le discussioni infinite su cosa sia giusto, e cosa sia sbagliato, i virologi, si stava meglio quando si stava peggio, la movida, gli assembramenti, l’immunità e gli abusi di potere, le leggi assurde, le disparità di trattamento, i ricchi, il denaro.. Così, in sordina, senza nemmeno farsi notare.. Cresce il grano, si evolve, e la terra è soffice e lieve. A Villa D’aiano la biodinamica è realtà, grazie a quei fighi della famiglia Preci!

Questo è importante.

https://ift.tt/3hcPhSeLA VECCHIA SCUOLA FACEBOOK